Ceci e Fagiolini dell’Antica Roma

English

I fagiolini sono tuttora un cibo comune in Italia come lo erano nell’Antichità. Dioscoride e Plinio scrivono che i fagioli venivano mangiati giovani nei loro baccelli, una tradizione che continua attraverso i secoli fino ad oggi. Nel Rinascimento, secondo il medico Pietro Andrea Mattioli, venivano lessati e conditi in insalata o infarinati e fritti (dopo essere stati lessati), poi serviti con agresto e pepe.
I fagiolini venivano anche conservati sottaceto per tutto l’anno, come riporta il naturalista Costanzo Felici nel suo libro sulle insalate, in un periodo in cui un nuovo tipo di fagiolo inizia ad apparire sulle tavole, quello importato dal nuovo mondo, chiamato da questo autore faggiolo turchesco. I fagioli mangiati nell’Antichità e nel medioevo erano di un tipo diverso da questi, che sono ora quelli più comuni: Plinio e Dioscoride si riferiscono a piante del genere Vigna (come i fagioli dall’occhio), mentre le nuove varietà arrivate con la scoperta dell’America appartengono al genere Phaseolus. I fagiolini ottenuti dai fagioli dall’occhio vengono ancora usati in Italia, ma solitamente da chi li coltiva nel proprio orto, come abbiamo fatto noi quest’estate.
Nella ricetta che prepariamo oggi, dal quinto libro del De Re Coquinaria, abbiamo interpretato faseoli virides non come fagioli di colore verde ma fagioli giovani nei loro baccelli. L’aggettivo viridis, in generale in latino e nello specifico in questo testo, si riferisce a vegetali freschi e in questo caso ci è sembrato chiaro che l’autore intendesse fagiolini, in particolare perché altri autori scrivono che venivano usati comunemente.
Se non avete questo tipo di fagiolini a vostra disposizione, potete usare fagioli dall’occhio secchi, chiaramente cambiando i tempi di cottura o, se volete provare una ricetta diversa senza necessariamente ottenere un piatto filologicamente corretto, provate altri tipi di fagiolini.
Dalla breve ricetta riportata nel De Re Coquinaria, è evidente che questo piatto è inteso come un’insalata di legumi, condita prima di venire servita, probabilmente fredda. In ogni caso,, se volete, potete aggiungere sale, cumino e vino durante la cottura secondo il vostro gusto.
Fagiolini e ceci hanno tempi di cottura molto diversi. Ci sono due possibilità: la prima, cuocerli separatamente; la seconda, cuocere i ceci e aggiungere i fagiolini quando i ceci sono teneri. Per i ceci di solito servono dai 40 minuti a un’ora o più di cottura, secondo la varietà. In ogni caso, ricordate di metterli a bagno durante la notte prima di usarli. I fagiolini invece solitamente richiedono 15 o 20 minuti.

Per maggiori informazioni sulla cucina dell’antica Roma, vi raccomandiamo la lettura del nostro libro La cucina dell’antica Roma. Ingredienti, ricette, fonti, disponibile in italiano e in inglese.
Il nostro nuovo libro Antiche ricette italiane. Verdura, frutta, erbe e fiori è disponibile su Amazon in italiano e in inglese. All’interno trovate diverse ricette dall’antichità all’inizio dell’era moderna accompagnate da un’introduzione sugli ortaggi nella storia della cucina italiana e sulla loro relazione con pratiche dietetiche, filosofiche e religiose.
È inoltre disponibile il nostro libro in italiano e in inglese con la traduzione, un commentario e un glossario di una splendida fonte del VI secolo, il De Observatione Ciborum, scritta dal medico Antimo per Teodorico, re dei Franchi. Se siete interessati invece alla cucina del basso medioevo, vi consigliamo la traduzione (in italiano e in inglese) del Registrum Coquine, un ricettario del XV secolo, la nostra edizione commentata del Libro de la Cocina, conosciuto anche come Anonimo Toscano, oppure un’introduzione più generale alla cucina medievale, Medioevo in cucina.
Se vi piacciono i nostri contenuti e volete supportarci, potete anche offrirci una birra o acquistare le nostre magliette.

Ingredienti
200 grammi di fagioli dall’occhio giovani nei loro baccelli
80 grammi di ceci secchi
cumino
2 cucchiai di vino
2 cucchiai di olio d’oliva
sale

Preparazione
Cuocere separatamente i fagioli e i ceci. Pestare nel mortaio il cumino, due o tre pizzichi, aggiungendo due pizzichi di sale, il vino e l’olio d’oliva. Scolare i legumi e condirli con la salsa. Servirli caldi o freddi a seconda del vostro gusto.

Original text
Faseoli virides et cicer ex sale, cumino, oleo et mero modico inferuntur (De Re Coquinaria, 5.8.1).

Traduzione
Servire fagioli freschi e ceci con sale, cumino, olio e un po’ di ottimo vino.

Buy me a coffee
Patreon
Ricette medievali Playlist
Ricette dell’antica Grecia Playlist
Ricette dell’antica Roma Playlist
Canale YouTube
Merchandise

Libri di storia dell’enogastronomia
Libro de la cocina di Anonimo Toscano. Ricette toscane del XIV secolo (edizione italianaEnglish edition)
Antiche ricette italiane. Verdura, frutta, erbe e fiori (edizione italiana English edition)
De Observatione Ciborum di Antimo. Ricette dell’alto medioevo alla corte dei Franchi (edizione italianaEnglish edition)
Registrum Coquine di Johannes Bockenheim. Un ricettario medievale (edizione italianaEnglish edition)
La cucina dell’antica Roma (edizione italianaEnglish edition)
Roma antica in cucina (ultime copie)
Medioevo in cucina
Rinascimento in cucina
Idromele. Miti, storia e preparazioni della bevanda degli dei
Birra nella storia

Traduzioni ed edizioni commentate di fonti storiche
De Re Coquinaria di Apicio – libri I-III
Appendicula de Condituris Variis di Giovanni Damasceno (VIII-IX secolo)
De Flore Dietarum – prima parte (XI secolo)
De Flore Dietarum – seconda parte (XI secolo)
Opusculum de Saporibus di Maino de Maineri (XIV secolo)
Anonimo Veneziano – prima parte (XIV secolo)
Registrum Coquine (prima parte) di Johannes Bockenheim (XV secolo)
Registrum Coquine (seconda parte) di Johannes Bockenheim (XV secolo)

Indice delle ricette
Piselli
Scampi
Seppie e uova
Polpo e insalata di cetrioli
Copadia Agnina – Spezzatino di agnello
Apothermum – Polpette dolci di farro
Pullus Parthicus
Tisana Barrica – Zuppa d’orzo
Arrosto di Manzo e Scalogni
Polpette di Pollo e Crema di Piselli
Frittelle Dolci – Dulcia Domestica
Moretum e Hapalos Artos
Frittata – Patina ex Rusticis
Una ricetta per i Saturnalia – Arrosto di maiale con salsa allo zafferano
Muria – L’antenata della colatura di alici
Globi – Un dolce dell’antica Roma
La dieta dei legionari: buccellatum, lardo e posca
La Preparazione del Garum
Ova Elixa – Cucurbita
Dolce di Fichi
Ofella – Costata di Manzo
Insalate di Frutta – Melone e Pesche
Polpette di Gamberi e Insalata di Cetrioli
Sala Cattabia – Un Piatto Estivo dell’Antica Roma
Copadia – Spezzatino di Manzo
Puls Punica – Dolce Fenicio
Farcimina – Salsicce di Farro e Carne
Ova Spongia – Omelette Dolce
Zuppa di Lagana e Ceci – La Cena di Orazio
Pollo Stufato
Pesce Salato con Salsa alla Rucola
Savillum – Torta al Formaggio
Minutal Terentinum – Pasta e Polpette
Spezzatino di Cervo con Puls di Farro
Vitello con Salsa all’Allec
Isicia Omentata – Polpette avvolte in Rete di Maiale
Torta di Formaggio e Miele (Placenta)
Porcellum Laureatum
Castagne
Pane ai Semi di Papavero con Lievito Secco Antico
Conserva di Olive ed Epityrum
Farro Dolce
Mustacei – Pane al Mosto
Libum – Focaccia al Formaggio
Alici
Spezzatino di Maiale
Lattuga con Oxyporum
Polpette di Seppia
Polpette
Palamita
Senape
Salsiccia (Lucanica)
Astice
Pollo Arrosto
Fave
Faraona
Polenta d’Orzo
Cozze
Spezzatino
Branzino
Datteri Ripieni
Uova in Camicia
Taro
Pane e Moretum – Il Pasto di un Contadino dell’Antica Roma

Advertisement